6 OTTOBRE

Sala Fassbinder
ore 20.30

ACQUISTA

COMPAGNIA ABBONDANZA/BERTONI

Romanzo d’Infanzia

coreografia e interpretazione Michele Abbondanza Antonella Bertoni

in collaborazione con Milano Dancing City

 

ANTONELLA BERTONI

Dagli studi francesi con Dominique Dupuy, attraverso le improvvisazioni ‘poetiche’ di Carolyn Carlson, lo studio e la pratica dello zen, fonda assieme a Michele Abbondanza, la Compagnia Abbondanza/Bertoni riconosciuta come una delle realtà artistiche più prolifiche del panorama italiano per le loro creazioni, per l’attività formativa e per la diffusione del teatro danza contemporaneo. Tra i riconoscimenti: premio Danza&Danza 1996 come “miglior interprete”, premio Eti-Stregagatto 97/98 (Romanzo d’infanzia), Premio Danza&Danza 2017 come miglior produzione italiana dell’anno La morte e la fanciulla e il premio UBU “Miglior spettacolo di danza 2021” con Doppelgänger. In qualità di coreografa ospite crea per la compagnia Aterballetto Figli d’Adamo (2000) e per il Teatro dell’Opera di Roma, Addio Addio (2011) e Cerimoniale (2012). Partecipa al film di Bernardo Bertolucci, Io ballo da sola (1995), è tra i protagonisti delle coreografie create per Vieni via con me, trasmissione televisiva di Fabio Fazio e Roberto Saviano (Rai 3, 2010). Firma e interpreta più di trenta creazioni, tra le quali ricordiamo i due soli Try (2006) e C’è vita su Venere (2021), il progetto Ho male all’altro (Alcesti, Medea, Polis), e i progetti Biologici Le fumatrici di pecore (2010) e Scena Madre (2012) che la vede in scena con la madre ottantenne. Dal 2008 dirige Scuola d’Azione, progetto dedicato all’insegnamento e alla formazione di adulti e bambini, presso il Teatro alla Cartiera di Rovereto, dove la compagnia è in residenza.

 

MICHELE ABBONDANZA

Studia a New York nelle scuole di A. Nikolais e M. Cunningham e lavora e collabora con Carolyn Carlson a Venezia e a Parigi.
È considerato uno dei fondatori storici del teatro-danza italiano, (Il Cortile, Sosta Palmizi, Premio Ubu 1985) e con Antonella Bertoni crea la Compagnia Abbondanza/Bertoni, una delle realtà artistiche e produttive più prolifiche del panorama nazionale, che affianca alla creazione, un percorso di formazione del teatro danza contemporaneo.

Tra i riconoscimenti: premio Danza&Danza 1996 come “miglior interprete”, premio Eti- Stregagatto 97/98 Romanzo d’infanzia, Premio Danza&Danza 2017 come miglior produzione italiana dell’anno La morte e la fanciulla e il premio UBU “Miglior spettacolo di danza 2021” con Doppelgänger.

In qualità di coreografo ospite crea per la compagnia Aterballetto Figli d’Adamo (2000) e per il Teatro dell’Opera di Roma, Addio Addio (2011) e Cerimoniale (2012).
Partecipa al film di Bernardo Bertolucci, Io ballo da sola (1995), è tra i protagonisti delle coreografie create per Vieni via con me, trasmissione televisiva di Fabio Fazio e Roberto Saviano (Rai 3, 2010).

Crea e interpreta la trilogia Ho male all’altro, (Alcesti, Medea, Polis) (2002-2004-2005), i duetti Terramara (1991/2013), Romanzo d’infanzia (1997), Un giorno felice (2008) ed Esecuzioni (2011), il solo I dream (2015), Gli Orbi (2016) e Pelleas e Melisande (2019).

Insegna alla scuola di Teatro Luca Ronconi fondata da Giorgio Strehler (Piccolo Teatro di Milano) e tiene numerosi laboratori in Italia e all’estero.

Ph Dario Bonazza

 

testo Bruno Stori

coreografia e interpretazione Michele Abbondanza, Antonella Bertoni

regia e drammaturgia Letizia Quintavalla e Bruno Stori

musiche Alessandro Nidi

ideazione luci Lucio Diana

elaborazioni sonore Mauro Casappa

costumi Evelina Barilli

fonica Tommaso Monza

luci Alberta Finocchiaro

voce fuori campo vers. italiana Silvano Pantesco

produzione Compagnia Abbondanza/Bertoni

coproduzione Teatro Testoni Ragazzi

con il sostegno di Ministero per i Beni e le Attività Culturali – Dip. Spettacolo

vincitore del Premio Stregagatto 1997/98

anno di creazione 1997

durata 55 minuti

Romanzo d’infanzia è uno spettacolo di particolare intensità e poesia, pluripremiato e acclamatissimo in Italia e all’estero da 20 anni (premio ETI/STREGAGATTO 1997/98). Spettacolo cult della Compagnia Abbondanza/Bertoni con oltre 600 repliche, è stato tradotto e viene rappresentato in 4 lingue.
Spettacolo dedicato a tutti coloro che non possono fare a meno dell’amore, che danza e parla della relazione tra genitori e figli.