5 OTTOBRE

Sala Bausch
ore 19:00

ACQUISTA


Al termine dello spettacolo presentazione a cura di Lorenzo Conti del volume “Passi Falsi – drammaturgia come metodo investigativo” di Nello Calabrò.

COMPAGNIA ZAPPALÀ DANZA 

Performative Speech: studio sul Fauno

un’idea di Roberto Zappalà e Nello Calabrò
coreografia Roberto Zappalà

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Roberto Zappalà

Da 30 anni Roberto Zappalà corre e racconta, come nessun altro, un sud vivo e vibrante insieme alla sua Compagnia «con tenacia, lucidità, visione e continua voglia di andare avanti, di perfezionare la sua poetica, di dare una casa alle sue idee di danza, naturalmente umanista e filosofica.» (delteatro.it). Realizza solo per la propria compagnia oltre 80 creazioni prevalentemente a serata intera, di cui l’ultima ‘La Giara, commissionata dal Teatro Regio di Torino, ha debuttato con successo nel giugno 2019 nel cartellone di Opera&Balletto dello stesso Teatro Regio.

Diverse inoltre le collaborazioni con altre compagnie, tra queste Balletto di Toscana, la Scuola di Ballo del Teatro alla Scala di Milano, Norrdans (S), ArtEZ Arnhem (NL), la Fondazione Theaterwerkplaats Generale Oost (NL), Goteborg Ballet/Opera di Goteborg (S). 

Nel 2011 realizza le coreografie della cerimonia di apertura dei Mondiali di Scherma. Nel 2016 cura il progetto Insieme – Parata Urbana per il Défilée della Biennale di Lione.

Ha collaborato con registi d’opera quali Federico Tiezzi, Daniele Abbado e Giorgio Barberio Corsetti e con artisti del panorama internazionale tra questi Giovanni Sollima, Paolo Fresu, Fabio Vacchi, Puccio Castrogiovanni, Vincenzo Pirrotta, Alfio Antico, Gianluigi Trovesi e altri.

Con Christian Graupner (Humatic, Berlino) ha realizzato l’installazione interattiva “MindBox”, secondo premio al Guthman Musical Instrument Competition (Atlanta/USA 2011). La Malcor D’ ha di recente pubblicato il suo libro Omnia Corpora sulla metodologia del suo lavoro.

Roberto Zappalà è responsabile del recupero e ideazione di Scenario Pubblico a Catania, aperto nel 2002, residenza della Compagnia Zappalà Danza e raro esempio in Italia di centro coreografico europeo.

Nel 2013 riceve il Premio dell’Associazione Nazionale Critici di Teatro.

Roberto Zappalà è artista associato al festival.

coreografia Roberto Zappalà

testo Nello Calabrò

danza Filippo Domini

musiche Claude Debussy Prélude à l’Après-midi d’un faune (per piano solo) 
Giuni Russo/Franco Battiato, The Beatles, Miklós Rózsa

speech Roberto Zappalà

una produzione Scenario Pubblico / Compagnia Zappalà Danza Centro di rilevante interesse nazionale 
in coproduzione con Festival MILANoLTRE 
in collaborazione con FU ME Festival e Cilentart Fest

con il sostegno di MIC Ministero della Cultura e Regione Sicilia Ass.to del Turismo, dello Sport e dello Spettacolo

durata 28 minuti

Questo momento di ricerca è pensato per spazi alternativi e anticipa un più ampio progetto che vedrà la sua conclusione nel 2024 con la messa in scena di un unico disegno creativo che accosterà l’Apres midi d’un faune al Bolero di Ravel e al Sacre du printemps di Stravinskij.

Così come il racconto del poema di Mallarmé passa dal sonno al ricordo, in un ‘luogo mentale’ dove realtà, sogno e desiderio si confondono, allo stesso modo lo spazio dove accade la danza – il mondo interiore del fauno – è un mondo altro dove esclusione, corteggiamento e erotismo trovano il proprio spazio espressivo.

È un tappeto.                  

Stendere un tappeto, per tante popolazioni continua ad essere un gesto di notevole rilevanza simbolica e pratica.

Equivale a portare il paradiso nell’inferno.

Il tappeto separa due mondi, uno reale e un altro fatto di sogni e di desideri.

Il tappeto separa e unisce al contempo la danza da quello che danza non è.

Così come la struttura musicale di Debussy, definita dallo stesso musicista “ondulante, cullante, ricca di linee curve” è come un tappeto, con una linea sinuosa che richiama le decorazioni floreali.

La serata si completa con la presentazione  a cura di Lorenzo Conti del libro Passi Falsi – drammaturgia come metodo investigativo di Nello Calabrò.