20 SETTEMBRE

Sala Shakespeare
ore 20.30

Prima Nazionale

DANCE-CARD

S DANCE COMPANY / MARIO COCCETTI

Whoman? + SIN

coreografie Mario Coccetti

ACQUISTA  PRENOTA

 

MARIO COCCETTI
Sintesi, Segno, Significato e Sinergia sono i termini che la S Dance Company sceglie per descrivere la propria visione. Nata nel 2016 come Progetto S, dall’idea del coreografo Mario Coccetti, indaga con la sua attività artistica il campo dell’identità in una società globalizzata, unendo al linguaggio della danza contemporanea quello proveniente dai diversi background dei singoli performer. Da questa riflessione nasce la trilogia composta da Border, SIN e Orfeo e Euridice/Melancholia – primo studio. La compagnia è già ospite del Gender Bender Festival di Bologna, di Orlando Festival di Bergamo, FIND Festival di Cagliari, Festival Iguales di Madrid e Interplay Festival.

Whoman?

Primo studio sull’identità del maschile e del femminile

coreografia e regia Mario Coccetti

progetto S Dance Company

interpreti Rocco Suma, Salvatore Sciancalepore, Sofia Zanetti

produzione Daria De Luca / Cinqueminuti

sostenuto da ZED Festival Internazionale Videodanza / Compagnia della Quarta

Whoman? scaturisce come esito naturale della ricerca della compagnia, che si interroga sull’identità e sul suo ruolo in una società globalizzata. Che rapporto c’è tra maschile/femminile e l’interiorità del soggetto? Come si declinano queste istanze nel rapporto tra l’individuo e temi come religione, etica e morale? Ma allo stesso tempo si domanda per quale fenomeno di sospensione i corpi in scena si liberano delle definizioni, divenendo campo pulsante di un equilibrio delicato che si fonda sulle forme, tra contrasti e compenetrazioni. Uno spettacolo che indaga il tema dell’uguaglianza tra i sessi, destrutturandolo e reinterpretandolo per metterlo in discussione in favore di una più ampia prospettiva sull’umano.

 

SIN

coreografia Mario Coccetti

interpreti Salvatore Sciancalepore e Rocco Suma

produzione Associazione Culturale Cinqueminuti

con il sostegno di De Micheli Festival e Teatro Due Mondi

premio del pubblico al Presente/Futuro Festival 2017 

durata 20’

Dopo l’incontro casuale in una balera, due perfetti sconosciuti si ritrovano, nell’arco di una notte, a scoprire tutti i possibili risvolti del legame appena nato tra loro. L’incedere ritmico del tango svela le dinamiche di dominio e sottomissione, di desiderio e abbandono. I corpi si liberano del proprio sesso di appartenenza, in un apparato coreografico in cui l’unico atto deplorevole è l’incapacità di afferrare un possibile futuro per lasciarlo dissolvere col trascorrere del tempo. SIN mette in scena il sogno di libertà e felicità dell’essere umano in una società rinchiusa in se stessa, esplora il confine tra la distanza e la vicinanza, tra la paura e il desiderio di conoscersi e riconoscersi in unico corpo.