12 OTTOBRE

Sala Fassbinder
ore 19.30

ACQUISTA

CONFERENZE DANZATE

Tra le novità di questa edizione il primo ciclo di Conferenze-Danzate tenute da esperti del settore con la presenza di quattro performer d’eccezione, gli scaligeri Stefania Ballone e Matteo Gavazzi accompagnati dai giovani Linda Giubelli e Alessandro Paoloni. Un viaggio attraverso le diverse tecniche, estetiche e poetiche, con parole e documenti video, pensato per tutti coloro che vogliono scoprire più da vicino Il patrimonio storico e culturale della danza e, giocando, provare anche a interpretarlo.

Ieri e oggi: Maurice Béjart + William Forsythe + Jiří Kylián

a cura di Elisa Guzzo Vaccarino

Elisa Guzzo Vaccarino

Elisa Guzzo Vaccarino, laureata in filosofia, formata alla danza accademica e contemporanea, si occupa di balletto e di danza da decenni su quotidiani, attualmente “QN”, periodici e riviste, “Ballet2000”, “Classic Voice”, “Fyinpaper” online; firma saggi per Fondazioni Liriche e teatri, per booklet di DVD, su cataloghi d’arte; collabora con la Biennale Danza e l’ASAC di Venezia, è stata consulente del Premio Carla Fendi di Spoleto e del festival Armonie d’Arte; collabora con ERT. Ha pubblicato libri su Béjart, Kylián, Bausch, Balanchine, Cunningham, Forsythe, la danza futurista e quella globalizzata, Cuba e il tango, parlando alla radio, RAI 3, realizzando programmi televisivi sui canali satellitari culturali (Tele+3, Rai Sat Show, Rai 5) e curando mostre come La Danza delle Avanguardie al MART di Rovereto-Trento. Ha insegnato Storia ed Estetica della Danza all’Università, in Italia e all’estero, e alla scuola di ballo della Scala.

Ph Sara Meliti

Maurice Béjart, marsigliese, uomo di cultura onnivoro, coreografo-divo di fama planetaria, eternizzata nel Boléro, una hit in scena, da Patrick Dupond a Roberto Bolle, da Maya Plisetskaya a Carla Fracci, e al cinema, con Jorge Donn-Nureyev in Les uns et les autres di Claude Lelouch (1981), apre la via al concetto di compagnia neoclassica d’autore.

Jiry Kylián, ceco, per decenni identificato con il Nederlands Dans Theatre, si è imposto nel mondo con il suo tocco fluido e sensuale, firmando un portfolio in progress di lavori trasmissibili ai corpi di ballo dei grandi teatri e ai danzatori di oggi, sensibili a differenti stili e idiomi.

William Forsythe, americano, ideologo del corpo postclassico, creatore di danze per il palcoscenico, sperimentali o di repertorio, di oggetti coreografici, di installazioni, di video, décor e musica, ha saputo decostruire il linguaggio accademico e condividere con i ballerini i processi di ideazione di una danza incisiva, per il corpo e per la mente. 

Elisa Guzzo Vaccarino

 

con Stefania Ballone, Matteo Gavazzi, Linda Giubelli e Alessandro Paoloni

Ph Sara Meliti