IL NOSTRO SPETTACOLO PREFERITO È QUELLO ANCORA DA SCOPRIRE

Giunto al suo trentaseiesimo compleanno, il Festival MILANoLTRE conferma la sua apertura alle molteplici espressioni e declinazioni della danza.
Rivivi l’ultima edizione del Festival: 1986>2024 Back to the Future! oppure scopri tutta la sua storia direttamente nel nostro archivio.

Originalità delle proposte, qualità dell’offerta, attenzione alle nuove generazioni mirano a consolidare la fiducia di un pubblico fedele e a stimolare la curiosità di una nuova audience in costante crescita. Scopri la sezione OLTRE e le attività che affiancano il festival tutto l’anno.

La redazione Stratagemmi – Prospettive Teatrali ci regala il Manifesto del (non) spettatore di danza:

FREGATENE DEL SENSO!
“Il bello della danza è la sua immediatezza: il gesto è universale.
Il senso è da interpretare”.
(Spettatrice, 78 anni)

STUPISCITI DEL GESTO!
“Danza è forza del movimento, raggiungimento di pose impossibili”.
(Spettatrice, 65 anni)

GUARDATI ALLO SPECCHIO!
“La danza contemporanea tratta di cose attuali, quindi quando vai a vedere uno spettacolo è come se vedessi una parte della storia che stai vivendo. D’altronde, il linguaggio del corpo scaturisce da un vissuto, è in collegamento col presente e guarda al futuro”.
(performer e spettatore, 20 anni)

VAI OLTRE L’APPARENZA!
“Nell’ultimo periodo, la danza tratta sempre più di diritti, di politica e di cambiamento – tutto rielaborato sotto forma di mito, leggenda, narrazione”.
(Performer e spettatore, 23 anni)

TORNA ALLE ORIGINI!
“L’uomo ha iniziato a danzare ancora prima di parlare!”
(Operatrice del settore, 34 anni)

NON AVER PAURA!
“Perché vedere uno spettacolo di danza contemporanea? Beh, perché no? Siamo coraggiosi nei confronti di molte altre cose che non conosciamo o non capiamo, perché non esserlo anche a teatro?”
(Danzatrice, 25 anni)

NON GIUDICARTI!
“Vai ed emozionati. Non importa se non capisci qualcosa, o tutto, ciò che conta sono i sentimenti che provi mentre guardi la performance.”
(D. Laurendeau, 33 anni)

SCORDATI IL TUTÙ!
“La gente ha un’idea della danza che è ormai desueta e polverosa. Bisogna spiegare che tutù e calzamaglie appartengono al passato!”
(Spettatore, 24 anni)

Scopri di più